Fai conoscere i tuoi servizi e prodotti! REGISTRATI GRATUITAMENTE!





Mangiare bene sul lago di Como
Mangiare bene sul lago di Como

Mangiare bene sul lago di Como si può

Alimentare il corpo e lo spirito: è forse questo il senso della vita? In attesa di scoprirlo, potete concentrarvi sulle prelibatezze del lago di Como; rinomato chiaramente per scenari suggestivi di arte e natura, è assolutamente capace di offrire standard elevatissimi anche in campo culinario. La cittadina di Bellagio, nota anche come perla del lago, angolo di Lombardia fra i più romantici al mondo, trae linfa dai ristoranti di gran classe che decorano uno scenario naturale indimenticabile  per abitanti e turisti. Una semplice passeggiata nel vecchio borgo, tra residenze storiche e vicoli suggestivi, tra pendii ciottolati e imperdibili boutique, trasformerà la vostra visita in un’esperienza dal ricordo indelebile.

Ovviamente, quello di Bellagio è solo uno dei numerosi casi in cui il Lago di Como gratificherà il vostro palato, che sia a pranzo, in una delle molte trattorie tipiche lariane, oppure a cena, magari a Tremezzo, nel ristorante in cui Gualtiero Marchesi rivelerà per voi tutta la magia celata nella sua cucina.  
E per i nostalgici della geografia più elementare, i motivi per visitare il lago sono molteplici: sia per la sua conformazione particolare, che ricorda quella di una ipsilon rovesciata, sia perché è uno dei più profondi di tutto il continente europeo - nei pressi di Argegno arriva addirittura a 416 metri di profondità-, sia per la sua estensione - è il terzo lago più grande d'Italia, secondo solo al lago di Garda e al lago Maggiore.

Nel cuore pulsante del lago, le location che scoprirete saranno indefinite, disposte armonicamente come se mano di artista avesse provveduto a disegnarle. Dall'Isola Comacina – rinomata per la famosa Sagra di San Giovanni dell'ultima settimana di giugno - al dosso di Lavedo, dal celeberrimo paese di Dongo a Giulino di Mezzegra, dal Laghetto di Piona all'abbazia cistercense omonima. Senza dimenticare, infine, il fascino dei varchi di ingresso degli immissari del lago, dal fiume Adda – unico emissario lariano - al Fiumelatte, il più breve tra corsi dello stivale.
Insomma, che prediligiate il ramo di Como, quello di Colico o il ramo di Lecco, lo spettacolo di cui sarete protagonisti resterà per sempre impresso nella vostra memoria. Vale la pena, quindi, di scoprirlo tutto, iniziando magari dai tre diversi bacini del ramo comasco: il primo, circondato dalla stessa città di Como, delimitato dai caratteristici paesini di Torno e Moltrasio; il secondo, che proprio da Torno e Moltrasio nasce, per chiudersi orientativamente tra il comune di Nesso e il comune di Laglio; e infine il terzo, che da Torriggia e Careno si estende fino alla splendida, già decantatissima, Bellagio.

In fondo non sappiamo se alimentare il corpo e lo spirito sia veramente il senso della vita. Siamo certi però che i paesaggi e i ristoranti del lago di Como, nel tempo che trascorrerete tra le braccia lariane, potranno quantomeno fornirvi ottimi spunti per trovare una risposta a questa domanda.


Fai conoscere i tuoi servizi e prodotti! REGISTRATI GRATUITAMENTE!